Bienvenido a America!

1 06 2013

Cari amici,

scusate il lungo silenzio, ma sono stato molto preso dalla nuova missione: leggere leggere e ancora leggere e prendere le prime decisioni. Se a questo ci si aggiunge un casino gigante con il nuovo telefono smartphone (ma perche’ l’ho comprato?!) che probabilmente mi costera’ mesi per ricrearmi una rubrica telefonica andata perduta quando tornero’ in Italia potete capire le mie difficolta’.
Comunque che dirvi di La Paz?
Innanzitutto ho grandi difficolta’ a respirare (ancora, dopo un mese). Tali difficolta’ sono dovute al mio naso perennemente attappato. all’aria rarefatta e alla sua secchezza.Fattosta’ che la sera faccio fatica a respirare e mi tocca quindi respirare a bocca aperta il che non fa tanto bene.
Poi bisogna dire che le giornate sono sempre molto belle e soleggiate e durante il giorno fa caldo. Poi pero’ di notte comincia a fare freddo in questa ultima settimana. Il giacchetto non fa piu’ il suo dovere e presto esara’ tempo di mettere il giaccone pesante. L’inverno duro inizia ora per i prossimi tre mesi mentre tutti voi andrete in vacanza al mare e gia’ vi vedo a Ostia, Fregene, Maccarese (o magari una spiaggia cipriota) a rosolarvi con la birra in mano e il panino.
La casa che ho affittato e’ per cosi’ dire modulare. Ci sono due stanze+un bagno nel corridoio esterno+un altro bagno dall’altra parte del patio+una cucina con sala da pranzo affittata all’ultimo momento separata dal resto della casa…in tutto questo il mio vicino di casa che abita al piano di sopra, nonche’ figlio della proprietaria passa regolarmente in questo corridoio al piano terra che di fatto e’ casa mia (avendo io affittato tutto il piano terra). Non so se mi sono riuscito a spiegare…comunque la casa nonstante queste stranezze e nonostante sia freddina e prenda poco sole e’ carina.
Valentina mi ha raggiunto dopo due settimane e adesso sta cercando lavoro (adesso a dire la verita’ e’ a fare la turista con una ragazza romano-giapponese conosciuta qui). Speriamo lo trovi presto, io sto cercando di aiutarla.
Nel metre la Lazio ha vinto il derby di coppa italia e in culo ai romanisti che mi leggono! ahahahah sapeste quanto ho goduto!
Ho comprati due golf di alpaca bellissimi che mi sono costati un bel po’ ma di alta qualita’.
Il lavoro: adesso stanno partendo due progetti (aspettiamo che arrivino i soldi, ma i contratti sono stati gia’ firmati). I progetti riguardano lavori di tipo idrico in comunita’ montane e non e molto software con formazione sulla gestione delle risorse. La settimana che viene vado per la prima volta nel field e diciamo che il mese di giugno mi vedra’ girovagare parecchio, la qual cosa mi fa felice perche’ la paz non e’ che sia tutta sta bellezza detto tra noi.
L’ufficio di La Paz lo divido con Livia l’amministratrice locale. E’ piccolo e carino.

La festa del Gran Poder e’ stato il 25 maggio scorso. E’ stata la prima occasinone cho avuto per vedere i colori, i balli e le genti della Bolivia. Una parata di ballerini hce e’ iniziata la mattina ed e’ finita alla sera, al buio. tutta la citta’ in festa e bloccata per l’evento. Noi l’abbiamo vista inizialmente nel quartiere di san Pedro, che e’ al centro e’ un barrio popolare e c’e’ il mercato durante il giorno che e’ una bellezza. Poi ci siamo spostati verso la cattedrale di San Francisco (esempio di barocco coloniale con campanile romanico) e dalla terrazza di un caffe’ abbiamo visto la sfilata dall’alto. Non abbiamo ballato. Valentina ha postato delle foto sulla sua pagina di facebook (per darvi un’idea). Lunedi’ sera scorso poi, dopo esserci riuniti in un pub per salutare una ragazza ceh se ne andava in vacanza in Italia, ci siamo fermati in un locale la cui musica da fuori ci intrigava…lo Scaramush….Ah1 ragazzi se solo aveste potutto essere li con me!
Purtroppo non vi e; traccia di quella serata per i noti problemi avuti con il mio telefonino, ma la band…Oddio la band…
Nel giorno della morte del “cuore matto” il bassista me lo ha ricordato come non mai. Si chiamano “Luz de America” e cantavano musica anni ’80, Bee gees e altri. soprattutto in falsetto. Il bassista era uno spettacolo di capelli a banana e rughe sul viso. Ma soprattutto gli avventori del locale. Nel giorno della festa della mamma le coppie mature erano tutte andate a ballare. In un clima da baita di montagna (lo Scaramuch e’ tutto di legno) che ricorda il film Vacanze di Natale (‘tre chinotti!) si ballava la cumbia, il merengue…il liscio. Il tutto in salsa sudamericana.
Una coppia di ballerini poi, non potro’ dimenticarli per molto tempo. Lui bassino, blue jeans, baffi neri e occhiali. Lei alta quanto lui, rigida, con i capelli tenuti fermi da una molletta bianca e pettinati [sic!] a mo di riporto. RIGIDISSIMI. Il loro ballo era una lotta tra due poli uguali che si repellono m atu con la forza cerchi di farli toccare. Si, si strusciavano, si aggrovigliavano, facevano mosse ose’. Uno spettacolo meraviglioso sotto una palla da discoteca e lucette verdi e rosse tutte attorno, con birra a fiumi etanta voglia di essere felici.
Lo Scaramuch e’ un posto magnifico.

con questa descrizione (perdono per non rileggere e correggere errori di battitura e lettere mancanti) vi lascio per il momento. Prometto di scrivere presto ancora. Adesso avro’ internet a casa e quindi potro’ scrivere per me oltre che per il lavoro.
Vi abbracico tutti, vi voglio bene e mi mancate, specialmente quel bambinone di mio nipote Valerio.
il mio numero boliviano e’ +951 72016280. Lo dico nonperche’ mi chiamiate per quanto mi farebbe piacere, ma magari un messaggio con what’s up ….

g.

Advertisements

Actions

Information

One response

10 06 2013
Gaby

Tanti auguri Globetrotter!! Oggi 10 giugno ho pensato a te e Skype ha pure svelato la tua età 😛 Sono sicura che questo anno sará pieno di belle nuove sperienze e ti auguro che la salute ti accompagni per viverle pienamente! Ho provato a mandarti un messaggino su whatsapp ma chi sa perché non ti trovo…
Seguo con molto interesse le tue avventure in Sudamerica e sono giá ponto per leggere la part 2!!
Un abrazo muy fuerte y muchos besos desde Frankfurt :*

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




%d bloggers like this: